L’energia fotovoltaica conquista sempre più il mercato e le aziende, anche quelle che da tradizione non operano nel settore energetico. Questo perché diventa possibile usare la tecnologia anche per creazioni di qualità che possono servire ad esaltare le caratteristiche e le funzionalità del prodotto.

Un esempio di prodotto “ibrido” particolarmente riuscito è dato dalla borsa solare, una ventiquattr’ore in grado di catturare la luce e da questa ricavare energia grazie alle piccole celle fotovoltaiche cucite sulla superficie.

La borsa fotovoltaica si inscrive in quel filone di applicazioni dell’energia pulita come il bikini solare, il cellulare con caricabatteria che si alimenta con i raggi del sole e tanti altri gadget molto utili soprattutto nella quotidianità.

Con le borse fotovoltaiche si risponde soprattutto al bisogno di una ricarica energetica subito pronta per chi ne necessita, magari in viaggio o durante gli spostamenti ufficio-casa: basti pensare a chi lavora con il pc.

Infatti, le belle e tecnologiche valigette sono costruite proprio con l’intento di offrire una ricarica costante e sempre disponibile per un laptop, a prescindere dalla vicinanza o meno di una presa di corrente.

Con una comoda piccola batteria interna, queste speciali borse accumulano l’energia prodotta e la rendono fruibile nel momento del bisogno, semplicemente collegando il cavo di alimentazione del portatile o dello smartphone: una rivoluzione che, negli USA, è una vera e propria moda e promette di diventarlo presto anche da noi!